Trovati ingredienti della vita intorno a stelle neonate, simili al Sole – ALMA Finds Ingredient of Life Around Infant Sun-like Stars

Trovati ingredienti della vita intorno a stelle neonate, simili al Sole - ALMA Finds Ingredient of Life Around Infant Sun-like Stars
Credits: ESO/L. Calçada

ALMA ha osservato stelle simili al Sole in una fase molto precoce della loro formazione e ha trovato tracce di isocianato di metile – uno dei mattoni chimici della vita. Questa è la prima rilevazione in assoluto di questa molecola pre-biotica nella direzione di protostelle di tipo solare, lo stesso ambiente in cui è nato il nostro Sistema Solare. La scoperta potrebbe aiutare gli astronomi a capire come si è formata la vita sulla Terra.

Due equipe di astronomi hanno diretto la potenza di ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) in Cile verso la detezione della molecola pre-biotica complessa nota come isocianato di metile nel sistema stellare multiplo IRAS 16293-2422.

A capo di uno dei due gruppi erano Rafael Martín-Doménech del Centro de Astrobiología di Madrid, Spagna, e Víctor M. Rivilla, dell’INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri di Firenze, Italia; a capo del secondo invece Niels Ligterink del Leiden Observatory nei Paesi Bassi e Audrey Coutens dell’University College London, Regno Unito. “Questo sistema stellare è sempre generoso! Dopo la scoperta di alcuni zuccheri abbiamo trovato l’isocianato di metile, Questa famiglia di è coinvolta nella sintesi dei peptidi e degli aminoacidi che, sotto forma di proteine, sono la base biologica della vita come la conosciamo”, spiegano Niels Ligterink e Audrey Coutens.

ALMA ha consentito a entrambe le equipe di osservare la molecola a lunghezze d’onda diverse, e caratteristiche, nello spettro radio. Si sono trovate le sue impronte chimiche uniche, come le impronte digitali, nelle regioni interne, più calde e dense, del bozzolo di polvere e gas che circonda le giovani stelle nelle prime fasi evolutive. Ciascuno dei due gruppi ha identificato e isolato le impronte della molecola organica complessa nota come isocianato di metile. Successivamente hanno prodotto dei modelli numerici e eseguito esperimenti di laboratorio per rafffinare la nostra comprensione dell’origine di questa molecola.

IRAS 16293-2422 è un sistema multiplo di stelle molto giovani, a circa 400 anni luce da noi nella grande zona di formazione stellare nota come Rho Ophiuchi, nella costellazione dell’Ofiuco. I nuovi risultati di ALMA mostrano che l’isocianato di metile in forma gassosa circonda tutte le giovani stelle. La Terra e gli altri pianeti del Sistema Solare si sono formati a partire dal materiale rimasto dopo la formazione del Sole. Studiando le protostelle di tipo solare possiamo aprire una nuova finestra verso il passato perchè gli astronomi possano osservare condizioni simili a quelle che hanno portato alla formazione del Sistema Solare circa 4,5 miliardi di anni fa. Rafael Martín-Doménech e Víctor M. Rivilla, primi autori di uno dei due articoli, hanno commentato: “Siamo particolarmente entusiasti di questo risultato perchè le protostelle sono molto simili a com’era il Sole all’inizio della propria vita, con le condizioni ideali perchè si formino pianeti della dimensione della Terra. Trovare molecole pre-biotiche nello studio potrebbe fornirci un pezzo del grande rompicapo che è capire come la vita si è formata sul nostro pianeta”.

Fonte/Leggi tutto → ESO.org

Trovati ingredienti della vita intorno a stelle neonate, simili al Sole - ALMA Finds Ingredient of Life Around Infant Sun-like Stars
Credits: ESO/Digitized Sky Survey 2/L. Calçada

ALMA has observed stars like the Sun at a very early stage in their formation and found traces of methyl isocyanate — a chemical building block of life. This is the first ever detection of this prebiotic molecule towards solar-type protostars, the sort from which our Solar System evolved. The discovery could help astronomers understand how life arose on Earth.

Two teams of astronomers have harnessed the power of the Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) in Chile to detect the prebiotic complex organic molecule methyl isocyanate in the multiple star system IRAS 16293-2422. One team was co-led by Rafael Martín-Doménech at the Centro de Astrobiología in Madrid, Spain, and Víctor M. Rivilla, at the INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri in Florence, Italy; and the other by Niels Ligterink at the Leiden Observatory in the Netherlands and Audrey Coutens at University College London, United Kingdom.

“This star system seems to keep on giving! Following the discovery of sugars, we’ve now found methyl isocyanate. This family of organic molecules is involved in the synthesis of peptides and amino acids, which, in the form of proteins, are the biological basis for life as we know it,” explain Niels Ligterink and Audrey Coutens.

ALMA’s capabilities allowed both teams to observe the molecule at several different and characteristic wavelengths across the radio spectrum. They found the unique chemical fingerprints located in the warm, dense inner regions of the cocoon of dust and gas surrounding young stars in their earliest stages of evolution. Each team identified and isolated the signatures of the complex organic molecule methyl isocyanate. They then followed this up with computer chemical modelling and laboratory experiments to refine our understanding of the molecule’s origin. IRAS 16293-2422 is a multiple system of very young stars, around 400 light-years away in a large star-forming region called Rho Ophiuchi in the constellation of Ophiuchus (The Serpent Bearer).

The new results from ALMA show that methyl isocyanate gas surrounds each of these young stars. Earth and the other planets in our Solar System formed from the material left over after the formation of the Sun. Studying solar-type protostars can therefore open a window to the past for astronomers and allow them to observe conditions similar to those that led to the formation of our Solar System over 4.5 billion years ago. Rafael Martín-Doménech and Víctor M. Rivilla, lead authors of one of the papers, comment: “We are particularly excited about the result because these protostars are very similar to the Sun at the beginning of its lifetime, with the sort of conditions that are well suited for Earth-sized planets to form. By finding prebiotic molecules in this study, we may now have another piece of the puzzle in understanding how life came about on our planet.”

Source/Continue reading → ESO.org

Related posts - Potrebbe interessarti leggere anche:

This entry was posted in News, Science, Space, Starseeds, Technology and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *